Archivi tag: cosa significa yoga

Il Cuore centro e destro

Cuore centro

Il cuore centro è il chakra che ci dà la sicurezza e la fiducia nel Sé, nel cuore centro risiede la Madre dell’universo. A livello fisico, il cuore centro è associato agli anticorpi che ci difendono da intrusioni nocive ed al timo.

Continua a leggere

Il Cuore

Introduzione

Il cuore (Anahat) è il punto focale della creazione e tutti i chakra sono ad esso collegati, è la centrale di energia del corpo umano e da esso l’energia raggiunge tutte le parti del corpo.
E’ la sede dello Spirito, la sorgente originaria. Qualsiasi blocco sul chakra o sulle nadi (canali) comporta sempre una pressione sul cuore. Il centro del cuore (bindhu) si trova sul lato sinistro.
Il cuore sinistro è la sorgente dell’Amore
Il cuore centro dà la sicurezza che scaturisce da questo Amore (la sicurezza finale è “io sono lo Spirito”)
Il cuore destro serve per esprimere questo Amore.

Il Cuore sinistro

Il chakra ha 12 petali, per 12 qualità principali

Il centro del cuore (bindhu) si trova sul lato sinistro. E’ la sede del Sé, dell’anima, dello Spirito, dell’Atma, tutti vocaboli che esprimono la stessa cosa. Molte volte Shri Mataji ci ha ripetuto: “Non siete null’altro che Spirito eterno” Si tratta per noi di diventare lo Spirito, di realizzarci, tutto il resto appare assai futile, questa è l’essenza stessa della vita spirituale, il lato sottile della vita e della conoscenza.

E’ grazie allo Spirito che esistiamo perché esso è la sorgente primordiale della vita, in noi come nell’universo intero. E’ l’essere allo stato puro, la coscienza immacolata, il testimone silenzioso di tutte le nostre esperienze. Lo Spirito è infatti Dio in noi, ma noi dobbiamo identificarci in Lui.

Dopo la Realizzazione, vale a dire dopo la connessione dello Spirito con il tutto (Brahman) attraverso il risveglio della Kundalini, eliminiamo progressivamente i nostri falsi attaccamenti (corporali, mentali, emotivi). Lo Spirito può manifestarsi solo quando il cuore è diventato un recipiente pulito e aperto, è allora che esso vi riversa l’amore e la gioia eterna.

La meditazione si arricchisce notevolmente e diventa più profonda quando portiamo l’attenzione al livello del cuore, si incomincia allora a sentire l’amore onnipervadente, che è l’essenza stessa della Kundalini, il cuore diventa il centro della meditazione quando è portato al livello del Sahasrara, il cui fulcro è la sede del cuore.

Quando la Kundalini trapassa il cuore, lo Spirito si congiunge ad essa ed ambedue salgono sino al Sahasrara, è questo il significato della parola Yoga (congiunzione, unione). Ciò avviene in maniera completa solo quando l’ego ed il superego si ritraggono e riassumono la loro posizione originaria. L’ego deve riprendere il suo ruolo normale, che è quello d’essere uno strumento dello Spirito.