Archivi tag: Buddha

Arrendo tutto

Questa canzone che pubblico qua sotto è un mantra che si usa spesso in Sahaja Yoga, in quanto insegnato da Shri Mataji Nirmala Devi, negli anni ’80, ed è molto utile per il nostro Agnya chakra, specialmente la parte destra (che ricordiamo si trova nell’emisfero sinistro della testa), corrispondente all’Ego. Questi mantra sono stati insegnati direttamente da Buddha (per questo agiscono proprio sull’Agnya destro, dov’Egli è la Deità preposta). Sono quindi molto conosciuti nel Buddhismo, dove possono essere recitati in maniera meccanica e poco utile, ma è necessario capirne il vero significato sottile.

Continua a leggere

Annunci

Il discorso della settimana: la Kundalini (I parte)

Oggi ci siamo riuniti per venerare l’Adi Kundalini e la vostra Kundalini poichè la vostra Kundalini è il riflesso dell’Adi Kundalini (intesa come Kundalini universale, ndr). Abbiamo compreso molte cose sul funzionamento della Kundalini, e sappiamo anche che solo grazie al Suo risveglio ed alla sua ascesa ci siamo elevati in uno stato più alto di coscienza.

Abbiamo così ottenuto dei poteri che mai nella storia della spiritualità furono donati ai ricercatori, per esempio il potere di risvegliare la Kundalini. Nel passato, non appena ricevevano la realizzazione si spostavano sul lato destro o sul sinistro cercando di ottenere poteri che non erano diretti al bene altrui.

Buddha scrisse chiaramente che quando si sarebbe incarnata Maytreya, che significa tre madri messe insieme, quello sarebbe stato il tempo del bene, della benevolenza. Come può accadere questo finchè tutti coloro che sono Buddha, cioè anime realizzate, non conosceranno la scienza della Kundalini?

Coloro che avevano una conoscenza limitata della Kundalini, probabilmente avendo letto qualcosa sulle scritture o da qualche altra parte iniziarono a farne un cattivo uso e divennero Tantrika. Tantra, come sapete bene, è il meccanismo della Kundalini e Yantra è la Kundalini stessa. Oggi, poichè penso sappiate già molto della Kundalini, come passa attraverso i diversi centri, come ascende, parlerò di come  possiamo nutrire la Kundalini. E’ molto importante saperlo!

Anzitutto c’è molta differenza tra voi e le altre persone che hanno ottenuto la realizzazione: la prima grande differenza è che voi avete ottenuto questi poteri in modo sahaj, semplicemente. Gli altri dovettero andare sull’Himalaya, stare al gelo per giorni e giorni, vivere nelle caverne, mangiare frutta o non mangiare del tutto; ne morirono moltissimi.

Anche al tempo di Buddha dovevano usare solo un pezzo di stoffa per coprirsi, chiedere l’elemosina nei villaggi e mangiare qualsiasi cibo, freddo o caldo, senza alcun comfort. Anzi Egli diceva loro di lasciar perdere ogni comfort, perchè se ne può fare a meno. Ma nessuno di loro ottenne la realizzazione e nessuno di loro poteva alzare la Kundalini.

La differenza è grandissima: il modo in cui avete ricevuto la realizzazione, il modo in cui la vostra Kundalini è stata risvegliata e il modo in cui potete manifestare i poteri che possedete. Per esempio potete dare la realizzazione ad altri, curarli, sentire le loro vibrazioni; ci sono alcuni Sahaja Yogi che possono controllare la pioggia, il sole, la luna, tutto. Alcuni Yogi possiedono poteri grandissimi, con le loro preghiere hanno salvato la vita a molte persone. (continua…)

ESTRATTO DA DISCORSO SULLA KUNDALINI (trasmissione del 10-05-10 e repliche)
21 Giugno 1992 – Cabella Ligure

Shri Mataji Nirmala Devi