Archivi tag: aggressività

Meditazione sul lato destro

Guardare

Guardare la terra e i fiori sono anche per il canale destro un "trattamento" utile per scaricare i pensieri e le preoccupazioni

Per bilanciare il nostro canale destro: si può integrare in una normale meditazione. E’ ancora meglio integrare gli elementi che incontriamo pian piano in una meditazione completa, o ispirata dal momento.

Chiudiamo gli occhi e facciamo qualche profondo respiro.

Per caricare il nostro lato sinistro, è sufficiente muovere la mano lungo il canale (senza toccare il corpo, provate a sentire qualche sensazione sulla mano mentre fate questo movimento), dal basso intestino alla tempia destra.

Continua a leggere

Annunci

Il discorso della settimana. Il lato destro (II)

Lego ormai è diventato di moda. Ma vi fa sentire bene con voi stessi?

L'ego ormai è diventato di moda. Ma vi fa sentire bene con voi stessi?

La gente di lato destro ha una personalità super attiva. Persone del genere mangiano troppe proteine: sempre carne, di questo o quel tipo.
Una persona del genere diventa super-attiva e riceve la “benedizione” del suo ego. Sviluppa un ego sempre più grosso.

E’ il tipo che aggredisce e distrugge gli altri, la loro immagine, li demolisce, li critica, salta addosso alle persone, può essere davvero un  temperamento caldo, può essere addirittura demoniaco.
Come vi ho già detto, Hitler ne è un esempio.

Queste persone hanno organi super attivi: la super attività degli organi danneggia progressivamente il cuore che lavora troppo. Laddove il cuore pompa rapidamente intervengono le palpitazioni.

Nei polmoni si sviluppa l’asma, negli intestini la costipazione, il fegato peggiora sempre di più, e la pelle assume un aspetto malaticcio ed è sempre più giallastra.

Sono persone esposte a molte malattie, come ho già detto: cuore, fegato, cirrosi epatica ed anche diabete, leucemia, affezioni renali, pressione alta, problemi all’utero.

Costoro sembrano molto brillanti e si considerano molto intelligenti, mentre sono alquanto stupidi; commettono sciocchezze di tutti i tipi, e chiunque sia saggio vede che non hanno alcun senso delle proporzioni e fanno cose che sono contro il Tutto.

A livello del cervello diventano orientati sull’ego. L’ego può crescere a dismisura e può sopraggiungere una paralisi: la malattia proviene dal lato sinistro del cervello, ma colpisce il lato destro del corpo.

Le persone orientate sull’ego hanno un altro grosso problema: non c’è cosa su cui non abbiano da ridire.
Qualunque progetto fatto da queste persone è un fallimento.

Questa gente così orientata  sull’ego  diventa incredibilmente  avara. E’ talmente orientata sul danaro da diventare avara fino all’inverosimile. Spende tutto il danaro per sé, non un soldo per gli altri. Quello cercano di risparmiarlo.

Qualunque buona azione ci sia da fare, essi vogliono il loro tornaconto. Riservano a se stessi i migliori vini, le cose migliori. Tutto per sé, per gli altri non hanno denaro.

Anche quando è loro dovere, cercano di non fare uscire un soldo dalle loro tasche, non pagano anche se dovrebbero.
L’unica idea che hanno è: “Qualunque cosa puoi prendere, prendila, ma al momento di pagare ….. zero!”.

(Shri Mataji Nirmala Devi)

Il discorso della settimana. Il lato destro (I)

Il lato destro, Pingala Nadi; è una energia che dà energia, la quale ci permette di agire; è formato dai cinque elementi che hanno dato origine al nostro essere fisico e mentale. Per questo ci aiuta a risolvere tutti i problemi fisici e mentali, a compiere la nostra attività mentale a svilup­pare la crescita fisica ed intellettuale.

Il lato destro è detto anche Surja nadi (canale solare): la nadi attraverso la quale gli esseri umani preservano il loro prana. Vi dà quindi il pra­na-shakti, cioè l’energia della forza vitale dentro di voi, che oggi manca.

A questa mancanza si aggiunge quella del vostro cuore. Per lo meno un uomo che ha esaurito il proprio prana-shakti, ma che ha cuore, potrà utilizzare in maniera reale quel potere che si sta accumulando nel suo cervello ed esaurirlo, come se liberasse tutto il suo cervello; se vi è cuore in lui.

Con l’amore possiamo fare ogni tipo di azione creativa. Infatti la base di tutta la creatività è l’amore. Se non c’è amore non c’è creatività.
Questo è vero in un senso ancora più profondo:
osservate come le persone responsabili delle scoperte scientifiche non le abbiano realizzate tanto per sé, quanto per amore verso il genere umano.
Nessuno ha mai prodotto qualcosa per sé: Se gli scienziati fanno qualcosa spinti da motivazioni personali, quello che hanno fatto  deve diventare di uso universale, altrimenti non avrebbe significato.
Le cose che non vengono usate per l’amore, cessano di esistere.

Tutti i grandi dipinti del mondo posseggono vibrazioni. Tutte le grandi opere d’arte del mondo hanno delle vibrazioni. Solamente quelli dotati di vibrazioni sono stati mantenuti dal tempo; tutte le altre cose sono invece state distrutte.
Oscurità dello spirito, oscurità della propria conoscenza  e  oscurità dell’amore: queste tre cose hanno preso il sopravvento proprio nei luoghi dove si dovrebbe amare la luce.

Luce non significa affatto quello che vedete con i vostri semplici occhi. Si tratta della luce interiore ….. la luce dell’amore. Ed è così dolce, così piacevole, così meravigliosa, così affascinante e così ricca, che finché non sentirete questa luce in voi stessi, questa luce fatta di amore puro, castità, amicizia e comprensione pura, finché non svilupperete questo genere di luce interiore, non potrete essere purificati completamente.

(Shri Mataji Nirmala Devi)

Il lato destro, Pingala Nadi; è una energia che dà energia, la quale ci permette di agire; è formato dai cinque elementi che hanno dato origine al nostro essere fisico e mentale. Per questo ci aiuta a risolvere tutti i problemi fisici e mentali, a compiere la nostra attività mentale a svilup­pare la crescita fisica ed intellettuale.

I benefici della meditazione 2

Come funziona la meditazione?

Ci sono diverse forme di meditazione, con diversi gradi di complessità, dalle strette e disciplinate pratiche alle raccomandazioni generali. Se praticata regolarmente, la meditazione aiuta a sviluppare abituali, inconsci micro-comportamenti che possono potenzialmente produrre diffusi effetti positivi sul funzionamento fisico e psicologico. La meditazione due volte al giorno per 15 minuti ha dimostrato di portare risultati benefici.

La risposta del sistema Parasimpatico

La maggior parte delle teorie sono basate sull’asserzione che la meditazione è una forma sofisticata di rilassamento che riguarda un concetto chiamato la risposta del Parasimpatico. Lo stress psicologico è associato con l’attivazione della componente simpatica del sistema nervoso autonomo che, nei suoi estremi, causa aggressività o caduta nella depressione.

La meditazione è qualsiasi forma di riposo o rilassamento che agisce per ridurre l’attivazione del sistema simpatico, riducendo il rilascio di vari ormoni dello stress come il cortisolo, e promuovendo l’incremento dell’attività del sistema parasimpatico, che a sua volta riduce la velocità di battito del cuore e migliora il fluire del sangue verso gli organi, invece che verso la periferia del corpo.

Altri effetti neurofisiologici

Altri fautori sostengono che la meditazione comporta effetti unici neurofisiologici; comunque, questo rimane da dimostrare. La ricerca al Programma di ricerche di meditazione suggerisce che il sistema limbico è implicato nella meditazione di Sahaja Yoga, in quanto sono stati costantemente osservati effetti positivi significativi riguardanti gli stati d’animo  e gli umori dei praticanti.

Definire cosa si intende per meditazione

La cosa più importante in queste ricerche è chiaramente definire cos’è la meditazione e poi sottoporre questa definizione ai test scientifici.

La meditazione è percepita normalmente come un’attività nella quale l’attenzione individuale è focalizzata in primo luogo su un’attività cognitiva ripetitiva. Qusta definizione generale è, nell’opinione del Programma di ricerche di meditazione, la causa principale per la gran parte dei risultati inconsistenti visti nelle ricerche del campo.

Consapevolezza senza pensieri

Se una persona esamina da vicino la tradizione meditativa autentica, sembra che la meditazione sia una distinta e ben definita esperienza di uno stato chiamato “consapevolezza senza pensieri“. Questo è uno stato nella quale l’eccessiva attività mentale e lo stress conseguente sono neutralizzati, senza ridurre la vigilanza e l’efficacia delle nostre azioni.

La meditazione autentica fa sì che ciascuno possa focalizzarsi sul ‘ momento presente ‘, piuttosto che rimuginare su un passato che non si può cambiare o un futuro indeterminato. Questo è il cosiddetto stato di equilibrio, che è terapeutico sia psicologicamente sia fisicamente, e fondamentalmente distingue la meditazione dal semplice rilassamento, riposo fisico o sonno.