Archivi categoria: Vishuddi

Il Vishuddi chakra – la meditazione (I)

Cominciamo una meditazione normale.

Scarichiamo i canali con entrambe le mani a terra. Successivamente scarichiamo le negatività del canale sinistro e del canale destro con i metodi già visti.

Meditiamo un po’ sul nostro Mooladhara Chakra, come si può anche leggere sulla meditazione del canale sinistro. Possiamo chiedere di stabilizzare la nostra innocenza, purezza e saggezza.

Passiamo in seguito allo Swadhistan, e poi al Nabhi, e al Cuore.

Portiamo l’indice destro nella fossetta della gola tra le due clavicole, dove risiede il Vishuddi centro – e la tiroide. Qui possiamo chiedere alla Kundalini di risvegliare le varie qualità di questo chakra.

Madre Kundalini, perfavore, risveglia il mio senso di collettività. Rendimi una persona distaccata, testimone della vita. Perfavore, apri il mio Vishuddi chakra“. Più chiediamo queste cose con fiducia e cuore aperto, più saranno efficaci.

Portiamo infine la mano destra sull’osso della fontanella, e chiediamo alla nostra Kundalini, semplicemente, di stabilizzare la nostra Realizzazione del Sé, e di donarci lo stato di unione con il Tutto.

Il Vishuddi chakra si trova sugli indici
Annunci

Il Vishuddi chakra

Il chakra del Vishuddhi, corrisponde, nell’evoluzione, alla nascita dell’homo sapiens, perché il Vishuddhi chakra è comparso quando l’uomo ha assunto una posizione eretta.
Al livello del Vishuddhi si risveglia la coscienza dell’umanità appena nata, la società comincia ad organizzarsi, con la parola ed in seguito con la scrittura, si stabilisce la comunicazione tra gli uomini

Il Vishuddhi è il chakra che ci mette in comunicazione col mondo esterno, infatti esso controlla sia le nostre capacità percettive (attraverso i sensi), sia quelle espressive (attraverso la voce, il gesto e l’espressione del viso)

Avere un Vishuddhi chakra in buone condizioni significa essere in grado di comunicare con il mondo esterno avendo rispetto di sé e degli altri; significa saper osservare e partecipare al gioco della vita senza rimanerne travolti; significa saper dire le cose direttamente ma senza colpevolizzare nessuno. Ciò implica altresì che non dobbiamo essere giudici né moralizzatori, ma piuttosto “incoraggiatori”. Per queste ragioni è detto essere il chakra del senso della collettività, ed è attraverso il Vishuddhi che le qualità dello Spirito, che risiede nel cuore, si rendono manifeste nella società.

Localizzazione

Il chakra del Vishuddhi si trova alla base del collo, al livello delle vertebre cervicali, è interessato a tutti i nostri organi relativi alla comunicazione: braccia e mani, l’intero viso (lingua, orecchie, parte esterna degli occhi), il collo, il sistema otorinolaringoiatrico come pure è responsabile della salute della pelle. Governa anche la tiroide, che è il primo filtro del corpo, dunque molto importante, i seni frontali dipendono pure da questo chakra: tra di essi (cioè tra le due sopracciglia) è localizzato un sotto chakra: l’Hamsa, che è preposto alla qualità del discernimento. Dal Vishuddhi chakra infine nascono l’Ego ed il Superego (che costituiscono i due petali dell’Agnya chakra)

Il Vishuddi chakra è localizzato alla base del collo, e sulla mano è nell'indice

Il chakra del Vishuddhi, corrisponde, nell’evoluzione, alla nascita dell’homo sapiens, perché il Vishuddhi chakra è comparso quando l’uomo ha assunto una posizione eretta.

Al livello del Vishuddhi si risveglia la coscienza dell’umanità appena nata, la società comincia ad organizzarsi, con la parola ed in seguito con la scrittura, si stabilisce la comunicazione tra gli uomini

Il Vishuddhi è il chakra che ci mette in comunicazione col mondo esterno, infatti esso controlla sia le nostre capacità percettive (attraverso i sensi), sia quelle espressive (attraverso la voce, il gesto e l’espressione del viso)