Archivi categoria: Estratti di discorsi

Tratto da programma pubblico, Genova 1996

(…) La conoscenza del sé non è qualcosa di immaginario, di mentale. Noi viviamo in un mondo mentale, e devo dirvi molto umilmente che questa cosiddetta mente è un mito. È stata creata da noi attraverso i nostri condizionamenti ed il nostro ego.

Ma oltre la mente si trova il regno della Realtà. Finché non si raggiunge questo stato di realtà, non possiamo trovare la pace interiore. Se non vi è pace interiore, a che serve parlare di pace? Ma una cosa molto semplice da capire è che la consapevolezza umana non è la verità perfetta, assoluta. Perché qualcuno dirà: “Questa è la verità”, un altro dirà: “No, la verità è quest’altra”, un altro ancora dirà: “No, la verità è quest’altra ancora”. Non è una cosa assoluta! E così, tutti i litigi e le dispute iniziano su questo punto. Ma quando conoscete la verità assoluta, allora tutti voi percepirete e conoscerete la stessa cosa.

Adesso, come vedete, io sono seduta di fronte a voi, non ci sono opinioni discordanti. Allo stesso modo, se vedete la verità, non vi saranno opinioni discordanti. Vi hanno già parlato (durante l’introduzione, ndt) dell’energia che risiede nell’osso triangolare, la quale è la vostra Madre individuale. Lei sa tutto di voi, sa che cosa avete fatto, quali errori abbiate commesso. Sa anche quali sono le vostre aspirazioni per il futuro. È come un registratore del vostro essere. Quando ascende, attraversa questi centri, e infine, dopo aver superato l’ultimo centro, diventa una cosa sola con il potere onnipervadente dell’Amore Divino.

Quindi, la verità su voi stessi è che voi non siete questo corpo, questa mente, queste emozioni, questo ego, ma siete puro Spirito. E l’altra verità è che esiste un potere onnipervadente dell’Amore Divino che compie tutto il lavoro vivente. Ora, questo Potere Divino è stato descritto nella maggioranza delle scritture. Può essere chiamato con molti nomi, ma quando noi vediamo tutti questi fiori, li diamo per scontati; mentre in realtà è un miracolo. Non pensiamo mai quale miracolo sia.

Molte cose viventi si sviluppano in questo mondo, ma noi non ci pensiamo mai, diamo tutto per scontato. Chi fa tutto questo? È realizzato dal potere onnipervadente. Quindi, dopo questo stadio umano, occorre evolvere ad uno stadio più elevato di spiritualità, diventare lo Spirito. Ciò deve accadere, diversamente questo mondo andrà in rovina. La vita umana andrà in rovina.

Shri Mataji Nirmala Devi, Tratto da programma pubblico, Genova 1996

Annunci

Programma Pubblico di Roma, 1988

Mi inchino a tutti i ricercatori della Verità.

Dobbiamo comprendere che la Verità deve essere individuata mantenendo la mente aperta, la Verità deve essere scoperta nel nostro sistema nervoso centrale. Ad esempio, guardando questo tappeto rosso, chiunque di voi può vedere che è rosso: così la Verità deve essere la stessa per tutti noi. Ma se la verità è una sola, viene da chiedersi: come mai ci sono tutti questi problemi nelle religioni o nelle filosofie; perché la gente vede la verità in modi diversi?

Questi problemi sono dovuti all’ignoranza. C’è una storia a proposito di questo: alcune persone cieche volevano conoscere un elefante: così provavano a toccarlo in parti diverse. Ognuno di loro descriveva l’elefante per quello che percepiva. La Verità invece deve essere compresa nella sua totalità.

Continua a leggere

Discorso di Shri Mataji a Firenze, 1991

…Per prima cosa, devo dirvi che la Verità è ciò che è. Non possiamo concettualizzarla, non possiamo conoscerla mediante voli dell’immaginazione. Sfortunatamente, non possiamo neanche conoscerla a questo livello di consapevolezza umana, poiché è più sottile della consapevolezza umana.

Continua a leggere

La libertà di non andare fuori strada

Questa libertà è davvero bellissima, e poi uno lentamente apprende a volare per proprio conto come un uccello, finché un giorno diventa esperto e sa tutto riguardo alla Divinità.

Dopo di Sahaja Yoga la personalità cresce così tanto rispetto agli altri, e il senso di discernimento diventa così affilato e perfetto che i media, gli imprenditori della televisione, i falsi maestri, i metodi moderni o che vi mandano fuori strada, niente vi può deviare la mente dal cammino retto.

Nessuno può guidare un Sahaja Yogi fuori strada, a meno che egli stesso cada in qualche tentazione, paura o manipolazione.

(Shri Mataji Nirmala Devi)

Conversare con le vibrazioni

Quando la Kundalini raggiunge il Sahsrara, i petali del loto si aprono e ha luogo l’illuminazione (samadhi). Potete sentire una pulsazione potente sul cranio, seguita da una sensazione di scioglimento e un flusso di vibrazioni fresche dall’area della fontanella. Questo è il battesimo attraverso il quale sapete che siete davvero nati una seconda volta.

Continua a leggere

La relazione tra chakra e plessi

I rispettivi poteri delle Nadi Ida e Pingala, creano delle ondulazioni nei due canali. I chakra sono creati nei punti dove queste increspature si incontrano. Ogni chakra ha un certo numero di petali che esprime le sue qualità. Così come ogni chakra ha plessi come sue corrispondenti materiali nel sistema nervoso, così ogni petalo corrisponde a un sotto-plesso.

Continua a leggere