Il Discorso della settimana: il principio di Mahasaraswati (I)

Il principio di Mahasaraswati si trova sul lato destro. Inizialmente c’è il principio di Brahmadeva (che è quello di Saraswati), poi Mahasaraswati vi porta al principio di Mahabrahmadeva, chiamato Hiranyagarbha; quest’ultimo è molto importante per i Sahaja Yogi. Tutti coloro che pensano troppo, che creano, che si esprimono nella poesia, in letteratura, in musica, nella pittura o in qualsiasi altro genere di arte, ma che non sono anime realizzate, vanno sul lato sinistro o sul destro.

Shri Mataji suonando l'harmonium, uno strumento tradizionale indiano

Shri Mataji suonando l'harmonium, uno strumento tradizionale indiano

Per esempio un pittore che si sposta sul lato destro inizia ad esprimersi in modo violento sulla tela, mostra cose violente e diventa inflessibile: ha il suo stile e non lo cambierà con nessun altro. Sviluppa una natura austera nella sua produzione, e quando si stanca si dedica, all’arte astratta. Ma senza la realizzazione, l’arte astratta può essere assurda e ridicola. Ho visto questi estremi: gente che stende grandi tele per terra, versa colori ad olio, e poi vi rotola sopra. Quello è un dipinto! Dicono che è spontaneo, perchè il colore cade a caso e loro si muovono allo stesso modo: un dipinto spontaneo dovrebbe nascere da una personalità spontanea, non rotolando sopra la tela! Non c’è limite alle cose senza senso che fanno; inoltre credono di aver fatto grandi cose, si impegnano per creare questi quadri, e li vendono ad altre persone di lato destro, alle quali piacciono molto.

Anche la musica pop moderna, così aggressiva, ha la stessa radice: dato che non possono ascendere si spostano sul lato destro e creano questa musica, terribilmente rumorosa. È una musica che può rendere sordi a furia di ascoltarla; anche i gesti che fanno sono così aggressivi: a volte ho l’impressione che stiano per mangiare il microfono! In questo modo impressionano le persone di lato destro, diventando popolari; ma la popolarità non è un segno del vero successo, viene e va.

Lo stesso fanno tutti questi artisti e pittori, vanno e vengono, non restano sulla scena che per poco tempo; inoltre la storia parla di coloro che sono rimasti nel centro, non di quelli che sono andati agli estremi. Dio solo sa quanti ne sono ‘nati’ e ‘morti’! Tutti coloro che oggi dipingono o cantano in quel modo non verranno ricordati. Sono matti e creano delle modo passeggere, apprezzate dai matti come loro. Tutto questo è uno spreco, non lascia alcuna impressione nella storia.

Quando si va troppo lontano con la creatività e con la scrittura c’è un movimento verso il lato destro del sistema simpatico e così nascono queste cose insensate. Ci furono molti scrittori di lingua inglese, a cominciare da Shakespeare, che mostrarono l’inutilità degli sforzi umani -noi diciamo awadhuta-. Colui che ha raggiunto un alto grado di sviluppo nella propria vita spirituale riesce a vedere la futilità degli sforzi degli uomini, li porta ad un punto in cui deve elevarsi al di sopra di essi e dedicarsi ad altri sforzi che lo porteranno più in alto, creando qualcosa di eterno valore.

Ci sono anche persone come Somerset Maugham, come Cronin, persone molto centrate. Poi venne Hemingway e iniziò a muoversi sulla destra. Chi si sposta sulla destra parla di violenza e altre cose del genere; queste letture non sono per niente gradevoli. Ma loro scrivono comunque e alla gente piace. Vogliono leggere di Hitler, come la gente è stata uccisa, guerre… vogliono vedere immagini piene di violenza o di morte per soddisfare il loro desiderio di essere violenti.

Quando invece questi artisti si muovono sul lato sinistro, per esempio i musicisti, soffrono continuamente, come nelle tragedie greche. Continuano a piangere, a lamentarsi, a descrivere la loro tristezza; parlano della tristezza e delle tragedie della vita. Continuano a piangere e fanno piangere anche voi; non c’è speranza per loro. Abbiamo molti artisti di questo genere, specialmente in Francia: scrittori, poeti e pittori. Sono di lato sinistro perchè bevono molto.

Se andate in qualsiasi villaggio francese dopo le sette, non troverete nessuno per strada. Se voleste farvi indicare la strada, non c’è nessuno che possa farlo: anche bussando alle porte per chiedere informazioni vedrete solo gente ubriaca, già alle sette di sera! Per questo motivo diventano eccessivamente sentimentali e cantano canzoni di questo genere. Non c’è sentimento nella loro vita, vivono in un romanzo immaginario, in un mondo di dolore e sofferenza esistente solo nelle loro teste; e hanno particolari idee riguardo i loro modelli romantici creati dal loro lato sinistro. Ecco come i poeti e gli scrittori vanno sul lato sinistro.

Per esempio in India, abbiamo musulmani che, a causa del loro bere, hanno creato ciò che viene detto ghazal. Questo ghazal non è nient’altro che piangere; anche alcuni poeti che erano alla ricerca di Dio piangevano dicendo “Oh, Dio, quando ti incontrerò?”. Cantano così nella separazione, non nell’unione, nello Yoga; e questo accade ancora a molti ricercatori. Fino a qui va ancora bene, poi ci sono molti scrittori grotteschi che scrivono cose orribili, tanto da farvi sentire all’inferno leggendo le loro descrizioni. In sanscrito vengono detti (vivhadsara), perchè creano vivhadsara, cioè descrizioni di scene sudice. Cosa mai fatta prima: anche nel linguaggio inglese non ho mai visto queste cose, ma ora alcuni libri sono tanto pieni di sporcizia, sudiciume e terribili descrizioni di sesso, da non poterli sopportare.

(continua)

Un pensiero su “Il Discorso della settimana: il principio di Mahasaraswati (I)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...