I benefici della meditazione 2

Come funziona la meditazione?

Ci sono diverse forme di meditazione, con diversi gradi di complessità, dalle strette e disciplinate pratiche alle raccomandazioni generali. Se praticata regolarmente, la meditazione aiuta a sviluppare abituali, inconsci micro-comportamenti che possono potenzialmente produrre diffusi effetti positivi sul funzionamento fisico e psicologico. La meditazione due volte al giorno per 15 minuti ha dimostrato di portare risultati benefici.

La risposta del sistema Parasimpatico

La maggior parte delle teorie sono basate sull’asserzione che la meditazione è una forma sofisticata di rilassamento che riguarda un concetto chiamato la risposta del Parasimpatico. Lo stress psicologico è associato con l’attivazione della componente simpatica del sistema nervoso autonomo che, nei suoi estremi, causa aggressività o caduta nella depressione.

La meditazione è qualsiasi forma di riposo o rilassamento che agisce per ridurre l’attivazione del sistema simpatico, riducendo il rilascio di vari ormoni dello stress come il cortisolo, e promuovendo l’incremento dell’attività del sistema parasimpatico, che a sua volta riduce la velocità di battito del cuore e migliora il fluire del sangue verso gli organi, invece che verso la periferia del corpo.

Altri effetti neurofisiologici

Altri fautori sostengono che la meditazione comporta effetti unici neurofisiologici; comunque, questo rimane da dimostrare. La ricerca al Programma di ricerche di meditazione suggerisce che il sistema limbico è implicato nella meditazione di Sahaja Yoga, in quanto sono stati costantemente osservati effetti positivi significativi riguardanti gli stati d’animo  e gli umori dei praticanti.

Definire cosa si intende per meditazione

La cosa più importante in queste ricerche è chiaramente definire cos’è la meditazione e poi sottoporre questa definizione ai test scientifici.

La meditazione è percepita normalmente come un’attività nella quale l’attenzione individuale è focalizzata in primo luogo su un’attività cognitiva ripetitiva. Qusta definizione generale è, nell’opinione del Programma di ricerche di meditazione, la causa principale per la gran parte dei risultati inconsistenti visti nelle ricerche del campo.

Consapevolezza senza pensieri

Se una persona esamina da vicino la tradizione meditativa autentica, sembra che la meditazione sia una distinta e ben definita esperienza di uno stato chiamato “consapevolezza senza pensieri“. Questo è uno stato nella quale l’eccessiva attività mentale e lo stress conseguente sono neutralizzati, senza ridurre la vigilanza e l’efficacia delle nostre azioni.

La meditazione autentica fa sì che ciascuno possa focalizzarsi sul ‘ momento presente ‘, piuttosto che rimuginare su un passato che non si può cambiare o un futuro indeterminato. Questo è il cosiddetto stato di equilibrio, che è terapeutico sia psicologicamente sia fisicamente, e fondamentalmente distingue la meditazione dal semplice rilassamento, riposo fisico o sonno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...